Posted by: admin

 

 

DALLA SICILIA CON AMORE

Dalla tradizione siciliana arriva un latte gustoso e nutriente, che è da poco entrato a far parte dei miei prodotti preferiti per la prima colazione! Insomma... l’afosa estate passa piu’ in fretta se le giornate cominciano nel modo giusto!!!

Parlo del latte di mandorle ovviamente, preparato fin nei tempi più antichi nei monasteri siciliani.

Un prodotto gustosissimo e sano (se fresco e biologico) che puo’ essere utilizzato in svariati modi e che non contiene lattosio, quindi è adatto anche ai vegani o a chi ha delle specifiche allergie al latte vaccino. Proprio perchè non contiene lattosio è meno proteico, ma rispetto al latte di mucca contiene più ferro, potassio, magnesio e fibre. Quello biologico e spremuto a freddo dura al massimo 48 ore ed ha un sapore intenso, buonissimo sia al bicchiere e freddo da frigo, che con una aggiunta di cacao e miele, dopo averlo fatto scaldare un paio di minuti.

La variante con i frutti rossi che faccio frullare direttamente insieme al latte e a due cubetti di ghiaccio è squisita!!! Insomma una vera e propria colazione dei campioni, ma senza esagerare e per non rischiare di prendere peso è meglio non berne più di una piccola tazza al giorno!

Insomma, buon risveglio a tutti!!!!


Posted by: admin

 

Beh cosa dire…vegani e vegetariani la conoscono da sempre, ma sulle tavole di noi onnivori è arrivata da pochissimo! Parlo della quinoa, un’istituzione della cucina peruviana che grazie alla sua grande ricchezza di proprieta’ alimentari è ormai conosciuta ovunque come immancabile “superfood”, protagonista di insalate e ricette estive.

A prima vista sembra un cereale, ma fa parte della famiglia degli spinaci e delle barbabietole, anche se, ad onor di cronaca, bisogna specificare che ha molte piu’ calorie di un piatto di verdure (circa 368 per 100 gr). Ricchissima di potassio, proteine e fibre e’ totalmente priva di glutine e quindi perfetta anche per chi soffre di celiachia. Per tutte queste ragioni e per il suo delizioso sapore leggermente amaro, per la grande capacita’ di saziare a lungo senza appesantire, e’ la vera ed unica protagonista di questa afosa estate 2016! In effetti con la quinoa si possono preparare molte insalate sfiziose come quella che mi sono portata oggi in ufficio: quinoa, pomodori, basilico, pollo, sedano e feta!!!

Buonissima anche quella con ceci, pomodorini, menta, mela, cetrioli e pinoli!!! Per non dimenticare le polpette quinoa e zucchini, che funzionano alla perfezione come finger food alternativo!!!

Insomma…iniziate ad inserirla nella vostra dieta e ne scoprirete la grande versatilita’, anche nelle ricette dolci! E come sempre, anche oggi, non dimenticate di prendere il vostro antiossidante nuturale NutriXant!!

Posted by: admin

 

Un viaggio nel paese del Sol Levante non può che essere anche un percorso culinario. Una delle cose che non si può non notare è che i giapponesi,sia che stiamo mangiando spaghetti in brodo di carne o sushi con il salmone, vi abbinano sempre le alghe.

Un alimento ancora poco  utilizzato in Occidente e in particolar modo in Italia; ho scoperto pero' le molteplici proprietà nutritive delle alghe e una certa tradizione d'uso anche nella cucina del Nord Europa, dove le alghe vengono vendute normalmente al mercato del pesce, mentre in Italia sono distribuite in negozi specializzati e soprattutto tra gli scaffali dedicati alla cucina macrobiotica e per vegani.

Naturalmente ci sono moltissimi tipi di alghe, sia marine che di acqua dolce, che si differenziano a prima vista per il colore (brune come il fucus o verdi come l'Haematococcus ad esempio) e anche per le proprietà nutritive, ma parlando in generale questi vegetali hanno un'importante percentuale di proteine, iodio, ferro, potassio, calcio e fibre. Inoltre sono anche una buona fonte vitaminica e in particolare sono ricche della vitamina B12, una vitamina difficilissima da trovare negli altri vegetali; non si devono dimenticare poi le proprietà antiossidanti di molte molecole presenti nel loro ciclo biologico, frutto dell'evoluzione che ha visto  le alghe  sopravvivere e prosperare nelle condizioni ambientali piu' difficili (tra alta e bassa marea, in acque che possono variare di acidità ed esposte agli agenti atmosferici e alla radiazione solare diretta) proteggendosi proprio con i piu' potenti antiossidanti per difendere il loro patrimonio genetico dall'estinzione.

Le proteine che troviamo nelle alghe sono di origine vegetale e quindi facilmente assimilabili; proprio per la loro ricca presenza associamo spesso questo alimento esclusivamente alla dieta vegetariana. In realtà i principi nutritivi di questi vegetali sono importanti per la dieta di ciascuno di noi ed è importante sapere che, ad esempio, lo iodio contenuto nelle alghe è facilmente assimilabile dalla tiroide e quindi aiuta a stimolare il metabolismo contrastando le malattie correlate all'obesità (sono anche povere di calorie e grassi, mentre sono ricche di sostanze  che aumentano il senso di sazietà). Il pigmento della clorofilla verde, abbondante in quasi tutte le specie di alghe, aiuta a metabolizzare il ferro e ad assorbire il calcio.

Le alghe sono anche molto utilizzate nell'industria cosmetica e farmaceutica per le loro importanti proprietà disintossicanti e antiossidanti; proprietà salutistiche  ben note a noi di Nutrixant, che utilizziamo solo alghe naturali d'acqua dolce Haematococcus da sempre nei nostri integratori!



 

Category: Sport & Fitness
Posted by: admin

 

Una sbarra di fronte lo specchio e niente scarpe da ginnastica. No, non stiamo guardando una ballerina che fa i suoi esercizi prima di una coreografia, ma di una delle ultima novità in fatto di fitness: Xtend barre. 
 

Una sbarra, un elastico, pesetti e un'istruttrice coinvolgente sono gli elementi ideali di quest'attività. La lezione è veloce, quasi sempre sulla mezza punta in modo da sforzare i glutei e le gambe in generale, ma l'attività è molto completa e i movimenti delle braccia, anche se armonici, fatti con i pesi leggeri, aiutano a rinforzare spalle e avambraccio. Con l'elastico poi, durante la seconda parte della lezione, si lavora di più su ginocchia e polpacci.
Durante l'ultima parte della lezione, tutti a terra per la parte degli addominali e per un po' di stretching, meritato dopo quasi un'ora al cardiopalma.

A me la lezione è piaciuta tanto e l'insegnante era davvero una forza! Certo si suda moltissimo e ci si stanca di più, quindi non prendete impegni mondani dopo la prima lezione e se non siete allenati, dopo la doccia, è meglio fare 15 minuti extra di stretching per evitare di essere doloranti il giorno dopo!!! Ad ogni modo, anche se gli esercizi si ispirano al mondo del balletto e al pilates, non è necessario avere esperienza con la danza... rimane una lezione alla portata di tutti, anche se impegnativa!

Il fitness è in continua evoluzione cari lettori, quindi arriveranno presto nuovi articoli...sono sicura che volete saperne di più di Zumba, Xtend Barre Stick e Pilates mat!!



 

 

 

Posted by: admin


Sono loro... si, i rimedi della nonna, quelli che aiutano chi non può permettersi costosissimi massaggi nei centri estetici o creme miracolose, senza parlare poi del ritocchino dal chirurgo estetico!!

E di certo per chi, come me, non ha uno stipendio da favola e tanta cellulite da combattere, in certi periodi bisogna ingegnarsi e aprire la dispensa!!! Eh si...perché spesso per migliorare il proprio aspetto basta usare ingredienti che abbiamo in casa normalmente o che è davvero facile reperire. Contro la cellulite in particolare si possono fare in casa dei bagni rassodanti e degli impacchi che migliorano molto la tonicità della pelle!

Iniziamo da un bel bagno,rilassante e tanto utile se facciamo sciogliere nell'acqua calda 500 gr di sale del Mar Morto oppure di normale sale grosso. Poi aggiungiamo acqua fredda perché, per proteggere la bellezza delle nostre gambe anche dalla comparsa dei temuti capillari, non va affatto bene immergersi in acqua troppo calda. Il sale, quindi, nostro amico e nemico, perché è proprio lui che, se ne abusiamo a tavola diventa una concausa della ritenzione idrica sulle gambe, ma nella vasca da bagno ci aiuta a combatterla! D'altronde avrete sicuramente notato come migliora l'aspetto delle vostre gambe durante una lunga vacanza al mare in cui facciamo bagni e camminiamo nell'acqua salata!! In fondo si tratta solo di replicare a casa quell'effetto benefico!!!

Per migliorare invece la tonicità dei tessuti, basta fare un po' di riciclo! Se infatti invece di buttar via i fondi di caffè, li conserviamo, possiamo preparare un impacco da spalmare sulle zone critiche perché la caffeina è uno stimolante del microcircolo della pelle. Abbiamo quindi solo bisogno di alcuni fondi, 4 cucchiaini di cacao, un cucchiaio di olio d'oliva e, se il composto non è abbastanza compatto, un po' di acqua calda. Dopo aver applicato il preparato sulle gambe, possiamo usare della carta trasparente per farlo assorbire ancora meglio e lasciamolo in applicazione per circa 30 minuti! Sono sicura che se provate questo rimedio 3 volte alla settimana già dopo un mese la vostra pelle avrà un aspetto molto più elastico e tonico!

Category: Sport & Fitness
Posted by: admin


Prima di parlare degli sport amici della cellulite, ricordiamoci che la sedentarietà è il primo nemico essendo soprattutto uno stile di vita e questione di pigrizia mentale. Ho tante amiche che per dimagrire cominciano l'attività in palestra o fanno jogging e per alcuni periodi seguono con metodicità un programma di fitness, ma non credo che questo renda davvero il loro stile di vita poco sedentario. Quando poi infatti si tratta di fare qualche rampa di scale preferiscono l'ascensore, guai a prendere la bici per andare dal fruttivendolo, godersi una lunga camminata sul bagnasciuga o, meglio, in acqua. Prendere la macchina per brevi tragitti e non fare mai le scale sono cattive abitudini che vanificano quello che possiamo fare con due o tre giorni di allenamento alla settimana!

Corsa, camminata veloce, bicicletta, step, nuoto...sono tutte attività fisiche  che fanno benissimo alla nostra forma fisica e soprattutto ci aiutano a combattere la cellulite e ad avere gambe più snelle.
In particolare tutti gli sport che si praticano in acqua fanno molto bene (nuoto, idrobike, acquagym...) e sono ideali per tonificare la muscolatura delle gambe. Ma va benissimo anche camminare di buon passo per circa 30 minuti, ma tutti i giorni. Direi che quello che premia è soprattutto la regolarità
nella pratica sportiva , e non importa se alla fine dell'allenamento la maglietta non è da strizzare; come ho già detto va bene anche una camminata di mezzora, ma andrebbe fatta ogni giorno, oppure seguire un allenamento più intenso da fare a giorni alterni.

Come sapete preferisco correre e quando sono stanca comincio a camminare di buon passo, così riesco ad allenarmi fino a 40-50 minuti almeno due volte alla settimana, ma spesso anche 3 o 4 volte. Ammetto che non sempre riesco ad essere continua e  regolare nella pratica sportiva, ma quando mi
impegno costantemente  per qualche mese, i risultati sono sempre visibili ad occhio nudo!!

Quindi cari lettori, come ho già scritto nel titolo, diamoci una mossa!



 

Posted by: admin

 

No cari lettori, non voglio parlare di come fare le bucce d'arancia ricoperte di fondente, proprio no, perché questo mese voglio davvero parlarvi dei tanti aspetti della cellulite, il mio grande cruccio e unico problema estetico davvero temuto da tutte le donne. Ormai è giugno e diciamolo, quello che è fatto è fatto, la prova costume è troppo vicina per fare miracoli, ma ci può stimolare a cominciare a perdere qualche chiletto accumulato durante l'inverno e a prendere le sane abitudini che ci aiuteranno a migliorare l'aspetto delle nostre gambe, anche se, come l'85% delle donne italiane, abbiamo la cellulite. Non so a voi ma a me proprio non consola sapere che anche le altre hanno la cellulite o che questa è così democratica da torturare anche Kate Moss e Scarlett Johansson. Non è mai ospite gradita! Quindi nei prossimi articoli vedremo un po' come fare per migliorare la situazione o prevenire almeno che questa peggiori!!

Un po' di cose le sappiamo: la cellulite dipende da alimentazione scorretta, vita sedentaria, fumo, contraccezione orale, predisposizione genetica e scompensi ormonali. In particolare questo problema se associato ad un'alimentazione sbagliata, poca attività fisica e situazioni di stress peggiora fortemente la funzionalità del microcircolo: le cellule adipose si espandono di volume  e il loro accrescimento restringe lo spazio tra le cellule stesse impedendo ai vasi sanguigni di lavorare bene, non apportando i nutrienti e l'ossigenzaione necessaria.

Nel medio periodo questo fenomeno provoca spesso un aumento di peso in zone localizzate e un'alterazione del tessuto adiposo e, quindi, la cellulite...!!!

Ci sono casi quindi in cui eliminare il sale non basta certo per risolvere il problema, ma si possono usare degli accorgimenti per non peggiorare e tenere la situazione sotto controllo! Approfondiremo quindi alcuni diversi rimedi basici contro la cellulite: attività sportiva, alimentazione, i rimedi della nonna e i massaggi. 
 

Category: Sport & Fitness
Posted by: admin

Vi ho già detto che questo fine settimana mi sto rilassando e dedicando a me stessa vero? Ieri maschera al viso, massaggio con olio idratante in una SPA vicino a casa e palestra.

Dopo molto tempo ho deciso di concedermi una lezione di pilates, che di solito non faccio perché nella mia palestra queste lezioni sono ad orari tavolta scomodi per chi lavora!! Certo, stamattina mi sono svegliata con un leggero dolore alle gambe, ma a dire il vero non ho dedicato abbastanza tempo allo stretching!

La lezione mi ha ricordato come sia  salutare  questa disciplina e quanto mi faccia  felice lavorare su tutto il mio corpo! Di solito infatti la pratica dello jogging è un'attività in cui si trascurano addominali e braccia, ma con un'ora di pilates (90 minuti sarebbero l'ideale!!) si lavora davvero su ogni muscolo isolato o per gruppi ed è perfetto per chi, come me, fa sport con l'idea di tonificare e stare meglio senza  l'obiettivo di fare massa muscolare! Il pilates poi è una disciplina che aiuta l'equilibrio, l'elasticità e soprattutto ad acquisire la consapevolezza cinestetica del proprio corpo ossia la capacità individuale di percepire i propri muscoli ed elaborare movimenti e azioni dalle piu' semplici alle piu' complesse. Ma è soprattutto uno sport che consiglio a chi, come me, ha una postura sbagliata e vuole correggerla o non peggiorare oltre la situazione della propria schiena, perché aiuta davvero molto a rinforzare la colonna vertebrale e quindi a migliorare il portamento. 

Se praticate o volete cominciare a praticare pilates, che è un'attività a base anaerobica, sarebbe bene fare anche delle attività aerobiche per diversificare il proprio allenamento (corsa, bicicletta, camminata a passo veloce). Non farete fatica a trovare delle palestre che offrono corsi di gruppo, mentre è più difficile e costoso fare delle lezioni private con un insegnante, anche se questi allenamenti sono più mirati ed efficaci. I livelli di difficoltà aumentano man mano partendo dall'uso del corpo libero fino ad utilizzare gli attrezzi specifici: reformer , cadillac , combo chair ,ecc.

Io vi ho dato qualche informazione, ora sta a voi provare a vedere se fa per voi! Ma non preoccupatevi se non siete in una forma invidiabile, una lezione di livello base è indicata davvero per tutti e per tutte le età! A presto!



 

 

Anti-aging e attività sportiva sembrano andare d'accordo, ma dovete ricordare che ogni processo metabolico e ogni attività che implichi la combustione dei carboidrati e grassi  porta con se i fenomeni ossidativi e la lenta e inarrestabile azione di degrado cellulare, che si sviluppa nel tempo in modo silente. Haematococcus pluvialis e l'astaxantina naturale prodotta  proprio per contrastare i fenomeni ossidativi nella piccola e delicata microalga cellulare  hanno mostrato effetti sorprendenti anche sull'uomo a parità di fattori : capacità di endurance, performance e conservazione efficiente di tessuti altrimenti danneggiati da stati ossidativi trovano nelle proprietà dell'astaxantina naturale un supporter ideale.

Posted by: admin




Il consumo a km zero è un modo ecologico di utilizzare le risorse alimentari  piu' vicino al punto di consumo e nel caso delle coltivazioni agricole, a poca distanza dal cliente per non creare oneri aggiuntivi con trasporti e confezioni particolari per preservare il prodotto ...il cui costo alla fine viene
sempre pagato dall'ultimo delle filiera...noi buongustai!

Questo canale  distributivo a filiera corta mi è sempre piaciuto...specialmente a livello locale, per avere frutta e verdura solo di stagione ed  essere sicuri conoscendo il produttore di mangiare prodotti freschi e davvero nutrienti, senza conservanti o peggio con modifiche genetiche volte a preservare l'integrità del frutto o del prodotto alimentare vegetale.

E proprio questo, cari amici di NutriXant® , è il periodo dei carciofi, semplicemente la mia verdura preferita!! Li adoro cucinati in ogni modo e anche crudi! Sfortunatamente in Oriente sono quasi introvabili, ma vi assicuro che se fossi in Italia li mangerei fino alla nausea, anche perché fanno un gran bene oltre a rendere il risotto una vera prelibatezza per il palato.

Il carciofo, probabilmente molti di voi già lo sanno, è un vero e proprio superfood conosciuto dal punto di vista medico come prezioso aiuto per diminuire il colesterolo LDL, cioè quello cattivo  per il nostro organismo e anche perché  in generale per le sue proprietà aiutano a proteggere il fegato. I medici e i dietisti  consigliano di mangiarne a volontà quando si puo'  perché contiene ferro, del quale io personalmente ho  sempre i valori un po' bassi. Ma in realtà il carciofo è anche ricco di complementi minerali come il potassio, fosforo e calcio e di alcune importanti vitamine del gruppo B e flavonoidi. Per quello che, credo, interessi di più i miei lettori, alcuni studi hanno dimostrato anche che il carciofo contiene preziosi antiossidanti, quindi i motivi per esserne ghiotti non mancano di certo!

Il segreto per ottenere il massimo da questo gustoso amico della tavola  è mangiarli crudi! Tagliati a listarelle e conditi con olio extravergine e succo di limone...magari qualche scaglia di grana...per fare il pieno di polifenoli, proteine e vitamina C ...una ricetta naturale integrata contro l'aging cellulare!!!

 

Posted by: admin

Mi sto concedendo un week-end rilassante e  non potevo non fare una maschera al viso togliendo qualche impurità di troppo!

A volte se mi "regalo" una pulizia del viso ben fatta, l'estetista applica una maschera lenitiva o super idratante. A casa però ne uso solo una a base di argilla verde e propoli che compro in erboristeria, ma che potreste facilmente preparare in casa! L'argilla verde è particolarmente adatta a chi ha una pelle mista o grassa e in particolare a chi ha problemi di piccoli inestetismi cutanei, punti neri o addirittura di acne, perché ha un'importante proprietà antinfiammatoria e antiossidante.

Da giovane spesso si puo' avere una pelle del viso che, incerte zone tende ad essere unta, anche se poi con la crescita si normalizza, per cui si potrebbe usare una maschera all'argilla bianca, che è più delicata e indicata anche per le pelli sensibili.


NutriXant® ha delle proprietà funzionali importanti per la pelle e gli studi clinici hanno mostrato che l'astaxantina naturale ha un potere ristrutturante sul derma profondo ed è efficace anche contro gli inestetismi della pelle dovuti all'invecchiamento...da abbinare quindi ai trattamenti topici come quelli che vi sto descrivendo per una azione di "skincare" dall'interno.

Se decidete allora di preparare una maschera all'argilla in casa potete aggiungere alcuni oli essenziali e ingredienti più adatti al vostro tipo di pelle.

Ad esempio se avete una pelle normale basta aggiungere un cucchiaino scarso di olio di germe di grano. Se ne avete una sensibile sarebbe bene aggiungere un po' di infuso alla malva e qualche goccia di olio di Rosa mesqueta. Per le pelli grasse potete invece aggiungere all'impasto un cucchiaio di succo di limone fresco.

Dopo averla applicata al viso di solito la pelle sotto lo strato della maschera sembra che inizi a tirare, ma è normalissimo quindi non preoccupatevi!

Ad ogni modo la pelle deve essere detersa bene prima della maschera, quindi passate del latte detergente sul viso e siate sicure di aver eliminato tutte le tracce del trucco. Io personalmente la applico dopo aver fatto anche una umidificazione calda preliminare con il vapore, perché così i pori della pelle sono ben aperti e recettivi ai principi della maschera.

Come vi ho già detto la maschera tende a seccare la pelle quindi dopo averla tolta normalmente, lavando il viso con acqua tiepida, non sono avara con la crema idratante e ne applico uno strato generoso. La pelle dopo sarà morbidissima e davvero purificata! Se la sensazione vi piace, come in effetti piace a me, potete averla su tutto il corpo aggiungendo nella acqua della vasca 4 pugni di argilla fine. Non preoccupatevi perché spostando l'acqua con le braccia o attivando l'idromassaggio l'argilla non si deposita  e quando finite potete sciacquare la vasca normalmente perché non intasa le tubature!!

Buon trattamento a tutti!